windows 10 key for sale cheap windows 7 key office 2016 key windows 10 product key windows 10 serial keys buy windows 7 key buy office 2016 key buy cheap windows 10 key winddows 10 product key sale
Gli errori da evitare su Pinterest

Gli errori da evitare su Pinterest

44 Flares 44 Flares ×

Se sei un B2B o un B2C e hai deciso di stare su Pinterest, sai già che non potrai raccogliere frutti se non dedichi tempo e risorse a capire come funziona il padre dei social dedicati ai contenuti visual.

Inutile pensare che sia sufficiente pubblicare un’immagine ogni tanto per “avere successo”.

Ma questo (seppure eclatante) non è l’unico tra gli errori da evitare nella gestione di Pinterest.

Non conoscere il target

Chi costituisce il tuo target? Chi sono i tuoi clienti? Di cosa hanno bisogno? Quali contenuti prediligono? Che tipo di problemi hanno? Quali soluzioni puoi proporre ai loro problemi?

Dopo aver risposto a queste domande, puoi definire la tua strategia in termini di board, pin e repin e vedrai che i numeri cambieranno in tempi record.

Occhio ai pin senza link

Una delle operazioni da fare ciclicamente sul tuo account Pinterest è la pulizia, per assicurarti che ogni pin sia collegato ad un link e soprattutto che questo sia valido. Trovarsi davanti ad un errore 404 non è la massima aspettativa di nessuno.

Perché è necessario? Perché questo tipo di errore influisce sul motore di ricerca interno al sistema, penalizzando la posizione del tuo Brand.

Pubblicare con parsimonia

È ovvio che nessuno potrà pretendere che tu stia tutto il giorno al pc a pinnare immagini (anche se il rischio di dipendenza da Pinterest è molto elevato), ma non puoi nemmeno pensare di pinnare due immagini in un mese.

Personalmente, tra pin e repin, viaggio su una media di una 50 immagini al giorno e ho visto aumentare esponenzialmente  i follower in tempi molto rapidi.

Pinnare contenuti inutili

Pinterest non è nato per contenere solo ed esclusivamente immagini dei tuoi prodotti/servizi. Come tutti i social, la condivisione e l’utilità la fanno da padroni.

Quindi bisogna offrire idee utili e creative e suggerimenti che si sposino alla perfezione con i bisogni e i problemi e gli obiettivi del tuo target.

L’unica regola da ricordare è che l’80% dei pin devono appartenere alla categoria “utili” e solo il 20% alla categoria prodotti/servizi, ovvero contenuti Brand-centrici.

Lasciare le Board senza descrizioni

Per descrivere le board che hai creato nel tuo account, hai a disposizione 500 caratteri. E proprio le descrizioni sono un’ottima occasione per mostrare la tua personalità e il tuo modus vivendi e la conoscenza delle parole chiave attorno alle quali ruota il tuo business e che le persone usano per trovarti.

Poche immagini nelle Board

Controlla adesso le tue board: qualcuna contiene una sola immagine e non trovi (o non cerchi) altri contenuti da inserire? Allora è inutile tenerla in vita.

Ci vogliono almeno dieci immagini per board per poter attirare l’attenzione degli utenti. Fai un po’ i tuoi conti.

E questi sono i sei errori che noto più spesso nelle mie navigazioni su Pinterest. Ma ovviamente non è una lista completa ma intanto cominciare ad evitare questi e poi passiamo agli altri 😉

 

Photocredit: wallpapers.net

44 Flares Twitter 0 Facebook 13 Google+ 14 Pin It Share 4 LinkedIn 13 44 Flares ×

Cinzia Di Martino

Mi definiscono (e mi definisco) una persona positiva, propositiva, decisa e ottimista (e anche chiacchierona). Sono laureata in informatica, ma ho una passione spropositata per blog, social media, marketing e web design.

No comments

Add yours

44 Flares Twitter 0 Facebook 13 Google+ 14 Pin It Share 4 LinkedIn 13 44 Flares ×